Adriano Tomba

Galleria d’Autore
3

Adriano Tomba

nato a Valdagno (Vicenza) nel 1945, vive a Novale, ai piedi delle Piccole Dolomiti, di cui è il fotografo più importante e riconosciuto.

Inizia a fotografare nel 1982 sulle Piccole Dolomiti e, da allora, anche se non esclusivamente, si occupa di fotografia dei territori di montagna. Dopo due viaggi negli Stati Uniti tra il 1989 e il 1992, realizza la mostra Le grandi pietre dell’uomo rosso. Dal 1994 al 1998 collabora con la Scuola di Fotografia Alpina diretta dal professor Angelo Schwarz, docente di fotografia all’Accademia Albertina di Torino e coordina per due edizioni in Val di Fassa le attività del programma Montagna & Fotografia. Realizza la mostra Nuove fotografie della Val di Fassa.

Dopo il 1998 completa due lavori da tempo in cantiere: Le Piccole Dolomiti di Gino Soldà. Ascensioni, immagini, testimonianze e Fotografie di un territorio prealpino. Crode e spazi delle Piccole Dolomiti. Tra il 1999 e il 2004 compie una vasta ricognizione fotografica in Adamello-Presanella sulle tracce di Julius Payer, Douglas William Freshfield e dei grandi fotografi del XIX secolo: Giovan Battista Unterveger, Vittorio Sella e Giuseppe Garbari.
Nel 2004 esce nella collana diretta da Bepi Pellegrinon dedicata ai fotografi di montagna Anatomia di montagne con un saggio di Italo Zannier e una testimonianza di Bepi De Marzi.

Nel 2005 nell’ambito delle iniziative della XI edizione del Filmfestival della Lessinia propone la mostra Ofra Morando: una malga delle Piccole Dolomiti. Nel 2007, in occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita della guida alpina vicentina Gino Soldà promosse dai comuni di Valdagno e Recoaro Terme in collaborazione con il Trentofilmfestival, realizza la mostra storico-fotografica Le stagioni di Gino Soldà e organizza il convegno di studi Gino Soldà e il suo tempo. Un protagonista dell’alpinismo e la storia del Novecento.

Nel 2016 cura la mostra fotografica Le montagne della Guerra Bianca insieme ad Augusto Golin presso lo Spazio funzionale Gino Soldà per il programma culturale estivo del nostro Rifugio.

//

Per approfondimenti e altre gallerie entra nel nuovo sito ufficiale: www.adrianotomba.it